20 Domande per Profilare con Successo le Lead Per la Tua Rete in Franchising (PRIMA PARTE)

da | Nov 22, 2020 | Strategie di marketing

Sei un franchisor e hai appena intrapreso una delle tue prime campagne di Llad generation per trovare nuovi affiliati per il tuo franchising?

Allora probabilmente già sai quanto sia importante raccogliere il maggior numero di informazioni da ciascuno dei contatti acquisiti al fine di una corretta profilazione.

Ecco di seguito quali sono, a mio avviso, le domande più utili e importanti da porre per profilare con successo le tue lead.

1. Come ci hai conosciuto?

Comprendendo la fonte della tua lead (referral, social media, sito web, ecc) avrai maggiori indicazioni su come fare a gestirlo. Ad esempio, se il contatto proviene da siti di settore, è probabile che si tratti di qualcuno molto più interessato e quindi molto più facile da convertire.

Dai la priorità alle lead che provengono da referral, poiché in genere si tratta di contatti molto più profilate.

2. Sei il solo a prendere le decisioni?

Spesso si trovano persone adatte e motivate ma che non hanno il controllo delle decisioni in quanto devono interagire anche con altre persone (eventuali soci che vogliono entrare in società ad esempio).

Anche in questo caso dovrai valutare come muoverti perché il processo decisionale potrebbe essere più lungo e difficoltoso. Non appena capirai quante e quali persone sono coinvolte nel processo di acquisizione, sarà molto più semplice pianificare le tue successive mosse per arrivare alla conversione.

3. Conosci già il settore?

La gran parte dei franchising non richiede alcun tipo di esperienza ai futuri franchisee e questo è considerato un elemento a favore di una maggiore flessibilità in entrata.

Tuttavia, se alcune delle tue lead dimostrano di avere già competenze nel tuo settore, anche come imprenditori autonomi, questo è senza dubbio un fattore su cui fare leva per convincerli delle loro capacità di gestire con successo un punto vendita in franchising.

4. Cosa ti ha spinto a considerare il nostro franchising?

Non trascurare mai la motivazione. Una persona che è mossa da un interesse concreto (ad esempio “mettermi in proprio” o “cambiare lavoro”) è sicuramente molto più motivata a diventare tuo affiliato rispetto a chi è mosso da motivazioni generiche.

Sfrutta l’elemento della motivazione per accelerare il processo di conversione.

5. Cosa ti aspetti dal nostro franchising?

Ciascuno di noi nutre aspettative su qualunque cosa faccia. È così anche per i tuoi contatti. Comprendere le loro aspirazioni ti aiuterà a decidere se sono o meno adatti alle tue attività in franchising e se possono essere davvero degli affiliati o meno.

6. Qual è la ragione per cui vuoi cambiare il tuo business?

Questa domanda riguarda soprattutto chi afferma di voler abbracciare il franchising per cambiare lavoro o attività.

La voglia di cambiamento è sempre positiva, perché segna la volontà di (ri)emergere, ma può nascondere un fallimento (ad es. la perdita di un lavoro) oppure il desiderio di realizzare di un sogno.

È molto importante comprendere il motivo per cui una persona vuole cambiare per sostenerla e supportarla nelle sue scelte e far sì che non si presentino vecchie paure.

7. Qual è il tuo budget?

Spesso i franchisor non inseriscono volontariamente domande sufficienti nei moduli di contatto circa lo stato finanziario dei possibili acquirenti per paura di limitare il numero di contatti. Si tratta di un approccio sbagliato e ti spiego subito perché.

Non conoscendo i limiti al budget che il candidato può o vuole spendere per entrare in affari con te, rischi di ottenere molte (troppe) lead utili solo a farti perdere tempo e denaro.

8. Chi pensi siano i tuoi concorrenti?

Informarsi circa l’idea che il candidato ha del mercato in cui si propone di entrare è un altro passo importante per comprendere le sue intenzioni e il suo reale interesse.

Inoltre questo ti faciliterà il compito anche nelle fasi successive di avviamento dell’attività.

9. Cosa ritieni più importante, il denaro o produttività?

Esistono ovviamente vari tipi di franchisee, quelli che prediligono il denaro e quelli che invece mirano a far crescere la produttività.

Entrambi possono andare bene per te perché in qualche modo contribuiscono alla crescita del franchising, tuttavia è importante saperlo per comprendere quanto le intenzioni del singolo siano in linea con tuo budget e la tua programmazione iniziale.

10. Qual è la tua priorità principale oggi?

Indubbiamente, vi sono molte persone là fuori che hanno le skill e le motivazioni giuste per entrare in affari con te.

Soltanto che alcune di esse in questo momento possono essere prese da altri interessi (privati o professionali). Rimanda l’appuntamento con loro ad un momento in cui la loro mente sarà più libera!

La tua casa è aperta a tutti coloro che abbiano interesse e competenze. Ancor più a coloro che come priorità abbiano lo sviluppo di un’attività in franchising come la tua.

Ecco la prima lista di domande da porre ai tuoi possibili candidati.

Scritto da Roberto

Franchising Top

Start Franchising

Scarica gratis la rivista e rimani aggiornato sul mondo del franchisings.

Ti potrebbe interessare anche:

4 Dritte Per Potenziare una Insegna di Franchising

4 Dritte Per Potenziare una Insegna di Franchising

Per un franchising è fondamentale consolidare il proprio marchio facendo branding. Per branding si intende  l’insieme di sensazioni e valori che il tuo marchio riesce a trasmettere. Sensazioni che devono trasmettere, in modo chiaro a lineare, l’unicità e la...

Avviare una Rete in Franchising: 8 Dritte da Tenere a Mente

Avviare una Rete in Franchising: 8 Dritte da Tenere a Mente

Non si apre un franchising semplicemente schioccando le dita. Questo è un assioma che dovrai tenere ben presente prima di lanciarti in una qualunque nuova avventura imprenditoriale. Allora come costruire la propria rete commerciale per il franchising? Iniziando da...